Miele di Manuka MGO100 - 500 g

44,75 €
Tasse incluse

Miele di Manuka MGO 100 è un miele monofloreale prodotto in Nuova Zelanda, proveniente dai cespugli di Manuka che crescono nelle aree incontaminate da 80 milioni di anni.

Confezione da 500 g.


Quantità
Non ci sono abbastanza prodotti in magazzino

Questo miele è prodotto dalle api che si nutrono dei fiori dell'albero di Manuka (Leptospermum Scoparium) una pianta indigena che cresce nelle distese incontaminate e prive di qualsiasi tipo di inquinamento della Nuova Zelanda.

Questa confezione del miele di manuka contiene 100 MGO (MethylGlyOxal), ossia 100 mg di Metilgliossale per chilo di miele.

La sigla MGO™ è un nuovo standard di recente applicazione, in quanto è stato scoperto in all'Università di Dresda che il potere antibatterico del Miele di Manuka è dato da un composto ben preciso contenuto in esso che è il MethylGlyOxal, MGO, un composto che si forma naturalmente nel nettare del fiore di Manuka, pronto per essere raccolto dalle api ed è il componente responsabile delle proprietà eccezionali del miele di Manuka.

Coadiuvante naturale antibatterico, utile:

  • per patologie gastro-intestinali (ulcera, reflusso gastroesofageo, bruciore di stomaco, colite)
  • per infezioni respiratorie (raffreddore, tosse, influenza e mal di gola)
  • per uso topico (accelera il processo cicatriziale ed antinfiammatorio tale da renderlo utile per il trattamento di lacerazioni e ferite, nonché per la cura di scottature, irritazioni, psoriasi, acne, eczemi e lievi ferite, ma anche nel trattamento di problemi cutanei più superficiali come graffi, lividi, abrasioni e tagli).

Modo d'uso: un cucchiaino 30 minuti prima dei pasti, 3 volte al giorno

Bambini: dai 2 anni in su, in base alla loro età e al motivo della somministrazione, il dosaggio va da 1 cucchiaino a 3 cucchiaino al giorno.

Caratteristiche e studi clinici

Grazie alla sua ampia distribuzione e alla grande quantità di nettare prodotto dai suoi numerosi fiori, Leptospermum scoparmi è una delle piante dove le api, introdotte in nuova Zelanda dagli europei, preferiscono prelevare il nettare. Il miele che ne viene prodotto ha un colore ambrato, sapore particolare e proprietà tixotropiche, cioè è in grado di diminuire la propria viscosità se sottoposto ad agitazione.

Sebbene le proprietà fitoterapiche di questo miele sono conosciute da molto tempo dalle popolazioni native della Nuova Zelanda, fino a poco tempo fa esso veniva impiegato al di fuori di questi gruppi etnici esclusivamente per uso alimentare.

I primi studi scientifici condotti in modo razionale risalgono a poco meno di 20 anni fa (1991), grazie alla dedizione dimostrata dai ricercatori del dipartimento di Biologia dell'Università di Waikato (Nuova Zelanda) specialmente nella persona del Prof. Peter Molan.

Già allora si notò, indagando sulle proprietà antibatteriche di differenti tipi di miele monoflora ottenuti da oltre 26 diverse specie di piante, che quello ottenuto dai fiori di Leptospermum scoparium risultava tra i più attivi in tal senso.

Si vide anche che sottoponendo il Miele di Manuka ad azione enzimatica per eliminare i perossidi, la sua attività non variava in maniera significativa, confermando che l'azione antibatterica , non è da attribuire ai perossidi presenti.

Questo miele è ad oggi l'unico che mantiene l'attività antibatterica invariata avendo il vantaggio di non dover contare solo sull'azione del perossido di idrogeno.

Questa peculiare particolarità è stata denominata UMF (Unique Manuka Factor) e viene indicata con un valore specifico, per ogni campione di miele, che indica la percentuale di fenolo in soluzione che abbia lo stesso potere battericida.

I dati raccolti dai ricercatori dimostrano l'utilità del miele di manuka nel trattamento topico di ferite di varia origine, al fine di favorirne la cicatrizzazione e combattere la contaminazione batterica, nonché come integratore alimentare in caso di gastrite e ulcera causata da Helicobacter pylori e nel trattamento delle infezioni del tratto oro-faringeo, quali per esempio faringiti, laringiti e tonsilliti.

Oltre alle proprietà antibatteriche comuni ad altri tipi di miele, esso contiene il UMF, un insieme di principi ad azione antibatterica, che agiscono efficacemente contro di molti ceppi di microrganismi, molti dei quali antibiotico-resistenti.